Progettare gli spazi con le piante

SAPER SCEGLIERE IL COLORE GIUSTO

L'importanza di scegliere il colore giusto

Qualche giorno fa sui miei profili social ho pubblicato un’immagine dedicata all’importanza del colore. Nel mio lavoro le tinte hanno sempre rivestito un ruolo molto importante: nell’organizzare gli spazi esterni o interni bisogna sempre tenere presente che il colore delle piante e degli arredi svolge una funzione primaria.

Forse non per tutti è immediata l’importanza di saper scegliere il colore giusto e, per questo motivo, ho deciso di parlarne in questo articolo. In realtà non affronterò solo oggi questa tematica, ma nel 2018 [attenzione, spoiler!] ho in programma di riprendere questo argomento più volte, in maniera approfondita e dettagliata!

Andando con ordine, ecco prima di tutto il post che ho pubblicato sui miei social:

L'importanza di scegliere il colore giusto


Il concetto alla base del colore

Questo concetto l’avrai sicuramente già sentito: il colore che noi percepiamo è dovuto alla presenza di pigmenti che assorbono o riflettono i raggi luminosi. Ad esempio, quando i raggi sono totalmente riflessi noi vediamo il bianco, quando sono totalmente assorbiti vediamo il nero.

Nel caso delle piante, il pigmento più importante con il quale i raggi entrano in contatto è senza dubbio la clorofilla: riflette i raggi luminosi verdi (infatti noi percepiamo il colore verde) e nasconde gli altri pigmenti (gialli, rossi, blu, viola, arancioni).

Questo meccanismo ci fa capire il perché, in autunno, le foglie delle piante (decidue) perdono il verde e si colorano di rosso, arancio, marrone! La clorofilla va a riposo e in questo modo si liberano gli altri colori che prima erano nascosti dalla sua presenza!

L'importanza di scegliere il colore giusto


I colori hanno una classificazione

Questa classificazione è importante da conoscere quando si lavora con le piante e quando si progettano gli spazi con esse e con gli arredi. Bisogna sapere che i colori si dividono in primari, secondari, terziari, complementari, analoghi, caldi e freddi. Questo è fondamentale per associare tra di loro in maniera corretta le varie tinte, in modo tale da creare sensazioni e atmosfere adatte all’ambiente progettato e adatte alle persone che lo vivranno.

Ecco quindi che entra in campo anche la cromoterapia, ovvero l’aspetto “emozionale” dei colori: essi, secondo la “terapia del colore”, hanno la capacità di influenzare il nostro stato d’animo poiché si caratterizzano di alcune proprietà specifiche, anche a livello simbolico. Attenzione però, non in tutto il mondo il significato attribuito ad un determinato colore è lo stesso! Per esempio il bianco in Occidente è associato alla purezza e alla luce limpida, ma in Cina è considerato il colore del lutto e del decadimento.

L'importanza di scegliere il colore giusto


I colori aiutano a modificare la percezione che abbiamo della dimensione di uno spazio: ecco perché se hai un piccolo giardino o balcone è importante scegliere i cromatismi adatti per far sì che appaia più spazioso.

Insomma, quello dei colori è un mondo davvero meraviglioso e potente, che va studiato nel dettaglio e calibrato sulla base delle esigenze personali. Questa introduzione si conclude qui, ma come ti ho già anticipato, nel 2018 ho in serbo per te delle novità e altri articoli di approfondimento per aiutarti a scegliere i colori giusti per il tuo balcone, per il tuo giardino o per la tua casa!



 

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *